martedì 20 ottobre 2009

ECOMARATONA DEL CHIANTI ...

la mia 1a MARATONA



DURANTE.....
Sveglia alle 07.00; l'aria fuori è bella frizzante, ma decido cmq per un abbligliamento tendente al corto:
. pantaloncini sopra al ginocchio;
. maglia della squadra m/manica;
. maglia cotone m/lunga da togliere lungo il percorso
. marsupio con 2 pacchetti di fazzoletti visto il raffreddore;
. lenti a contatto e occhiali da sole

Ore 07.30 pronta per la colazione con Bob, il Jonny e la Stefy nel ns. appartamento: una bella zuppa con latte, caffè e biscotti secchi ....un bell'Aulin e via verso Castelnuovo Berardenga!


In macchina si ride, si scherza, ci si prende in giro; le tattiche ed i tempi dichiarati la sera prima sono:
Jonny: 5h con l'aiuto del Bob che ha accettato la richiesta di portarlo all'arrivo;
Io: 5h 15'
Stefy: 6h

Arriviamo a Castelnuovo, ultimi accorgimenti: via le giacche imbottite e via verso la partenza!!!!In poco viene dato il via; Jonny e il Bob sono davanti; io e la Stefy più dietro.
Già nei primissimi km facciamo conoscenza: Graziella, signora simpatica 60enne alla sua prima maratona iscritta dal marito alla sua insaputa; poi due uomini con la maglia '7h 59' 59'' (il tempo massimo) si spera!'; poi un bel gruppetto con la tshirt 'corri con il nonno - 100a maratona -' ...procediamo.
Ma la mia pancia inizia a darmi brutti segnali tant'è che al primo ristoro (5°km) sono costretta a fermarmi!!!!
Mi accordo con la Stefy "Tu vai, poi ti raggiungo!"
Vado nel boschetto x i miei bisognini :-) ed ecco che la sfiga ci mette lo zampino quando proprio non deve: oltre alla dissenteria, ecco l'amico inseparabile di noi donne che mi raggiunge: il ciclo!!!!! Questa è iella nera...
vabbè non mi perdo d'animo sbrigo le mie incombenze e....sento un addetto al ristoro che urla alla scopa: "Aspetta c'è ancora una podista al bagno....ecco che arriva!"

Urca sono ....ULTIMA!!!!!!! Non ho con me l'orologio x cui non so quanto sono rimasta ferma; riprendo il mio passo, inizio a raggiungere qlc, supero e poi ecco la Stefy, ferma, che mi dice: "Non arrivavi più. Sei stata ferma quasi 15min! "
A quel punto capisco che non raggiungerò più il duo Bob&Jonny..... già ho 10/15' di ritardo, in più sono nel tratto + veloce e quindi chissà dove saranno e poi la mia pancia non è ancora a posto....

Proseguo tranquilla con la Stefy, ma le mie gambe vogliono andare.....

Davanti a noi due ragazzi, ma io quello lo conosco..... stai a vedere che è lui.... mi affianco...lo guardo e gli dico: "Ma tu sei quello che mi ha portato giù dalla Val Giralba (ndr: la Camignada ad Agosto)" e lui:"e tu quella che poi se ne è andata lasciandomi lì da solo!" ....eggià è proprio lui Massimiliano M.
Due parole anche con lui e via al mio passo .....le gambe stanno bene, io sto bene, fino al 10km sono con la Stefy, poi lentamente allungo e via lascio che siano loro a dettare legge:  oggi niente orologio, niente riferimenti....solo le mie sensazioni, solo con la mia testa!

Sono sola; raggiungo diversi podisti, ma sono più lenti di me, chi corre al mio passo è avanti, io mi sono fermata.... saluto sempre e tutti i podisti, i soccorritori, l'organizzazione....sto bene e sono felice!!!!

I paesaggi sono una cosa meravigliosa, la giornata è fresca, a tratti ventosa....
Il silenzio regna ovunque
rotto solo dal sibilo del vento in alcuni punti 
e dal rumore dei miei passi sulla ghiaia..


CHE BELLO....
CHE PACE....

I km proseguono bene fino intorno al 20km dove devo fermarmi un'altra volta causa dissenteria; poi il freddo,  un vento veramente fastidioso, intorno al 25°km, le mani sono gelide, ho freddo, vorrei copririmi, ma tengo duro; cerco di aumentare il passo in modo da levarmi il più in fretta possibile da questo tratto....
ecco ora sono più al riparo e la lunga  salita che ho davanti mi aiuterà a scaldarmi!!!!

Davanti diversi podisti che procedono al passo...poi d'un tratto un podista vestito di grigio, atletico, si appoggia ad un albero, quando lo raggiungo sembra quasi che sia in meditazione, sono titubante, ma poi gli chiedo: "Tutto ok?" e lui "ok".... meglio così....
Poco dopo mi raggiunge e mi dice: "Dovevo fare rientrare la pressione entro i limiti, inutile ingolfarsi!"
Due parole e capisco che ha già corso questa eco; gli chiedo allora che tempo si è prefissato  e mi risponde: "Nessun  orologio, nessun tempo"
Gli chiedo allora: "ma lo scorso anno, com'è andata?"
e lui: "E' andata" poi aggiunge:" Mi ero ripromesso di non farla più ed invece eccomi qui!"
Non chiedo altro procedo al mio passo e lui al suo; a volte conduco io, altre volte lui.....

Supero il borgo di S.Gusmè, poi attraverso un bellissimo vigneto, sono beatamente immersa nei miei pensieri e non mi accorgo che dobbiamo deviare a sx...fortunatamente sento un podista che urla mi giro e mi indica la giusta direzione, torno indietro, lo ringrazio e procedo.....

Poi ancora la pancia e i crampi...tengo duro, mi dico più volte dai è quasi fatta, all'arrivo vai in bagno, ma appena aumento l'andantura anche il fastidio aumenta e così dopo il 38°km mi fermo nuovamente!!!!

Tra i cespugli vedo diversi podisti che mi passano avanti, tra cui lui, il podista vestito in lungo color grigio; riprendo il mio passo; 39km...40km...davanti a me due podisti: uno vestito di corto, l'altro sempre lui....ULTIMO KM.....li raggiungo e da dietro dico loro: "Dai arriviamo insieme!"

Si girano e il podista vestito in lungo e di grigio mi dice: "Ma da dove arrivi?" "dal boschetto!" gli rispondo :-) aggiunge: "Complimenti! La tua prima maratona qui, hai fatto un buonissimo tempo, sei stata brava. per me invece questa è la mia 105a e ultima maratona!" ....resto senza parole, ci prendiamo per mano e concludiamo insieme questa ns. avventura!


7 commenti:

Miticojane ha detto...

Brava Barbarella, complimenti, peccato che non ci siamo visti e conosciuti, quest'anno c'era tanta gente, percaso domenica sei al Trail del monte Casto, vicino a Biella, forse ci sarò, ciao a presto

Alfredo ha detto...

Wonder woman nonostante il mondo gli si riversi contro termina la sua prima maratona. Complimenti.

Fatti i complimenti una piccola critica, passi l'inprevedibile ciclo, ma la zuppa di latte prima della maratona è francamente una cosa insentibile :)

Pimpe ha detto...

queste corse ci racconta di luoghi e di gente .. sono esperienze che ci arricchiscono..
una corsa a volte insegna piu' di un libro ;-)
bravissima!

insane ha detto...

GRANDE Barbarella! io,probabilmente,avrei mollato viste le difficoltà alla pancia quindi ammiro la tua forza e da quèl bèl sorriso nelle foto ne deve esser valsa veramente la pena..BRAVA!

Barbarella ha detto...

@MITICO: no domenica riposo :-) ..stavo facendo un pensierino all'Ysangarda Trail, sempre a Biella, x l'8novembre.
Magari ci vediamo a Portofino....

@ALFREDO: xkè??? Al mio passo e con l'obiettivo che mi ero prefissata la zuppa di latte nemmeno la senti!!! Avessi dovuto correre a ritmi più veloci avrei optato x altro...

@PIMPE: già! Di tutte le corse fatte quest'anno, questa mi ha dato veramente tanto: sia a livello umano, sia come ulteriorie e più profonda conoscenza di me stessa!

@INSANE: ne è valsa davvero la pena.... anche lo speaker all'arrivo si è accorto della mia gioia e l'ha sventolata a tutti; chissà magari recupero la foto...mi piacerebbe!

Patty ha detto...

confermo che il latte forse era meglio di no visto che non è la prima volta che ti capita!!!!
BRAVISSIMA e non avevo dubbi sei una che non molla.....ci sentiamo così mi racconti.

Alfredo ha detto...

Diciamo che il latte unito a stati emozionali importanti, da luogo a importanti “movimenti de panza“ ;)